Archivi categoria: katsugen undo

26-28 ottobre: stage di Aikido e Katsugen undo con Regis Soavi Sensei

Da più di 30 anni Régis Soavi Sensei conduce stage di Pratica Respiratoria del Maestro Tsuda, presentando questa visione dell’Aikido e introducendo al Katsugen undo  (Movimento rigeneratore).

ORARI STAGE

Venerdì 26 
h 18.00 Iscrizioni 18.30 Aikido
20.00 conferenza e seduta di Katsugen Undo

Sabato 27
h 8.00 Aikido
10.00 conferenza e seduta di Katsugen Undo
18.30 Ame-no-Ukihashi-ken (seduta di armi)
20.00 conferenza e seduta di Katsugen Undo

Domenica 28
h 8.00 Aikido
10.00 conferenza e seduta di Katsugen Undo
11.45 conferenza di fine stage

Abbigliamento per l’Aïkido: kimono
Abbigliamento per il Movimento rigeneratore: abiti comodi
Tariffa: 125€ –  Fino a 18 anni: 105€

Info e prenotazioni 334 8999061   bodai@scuolaitsuotsuda.org

regis-soavi-katsugen-undo-239x300.jpg

Régis Soavi inizia la pratica marziale con il Judo all’età di dodici anni. Studia in seguito l’Aikido, in particolare presso i maestri Tamura, Noquet e Noro.  Incontra il Maestro Itsuo Tsuda nel 1973 e comincia a seguire il suo insegnamento, praticando con lui Aikido e Katsugen undo per dieci anni, fino alla sua scomparsa nel 1984. Diventa insegnante professionista con l’approvazione del suo maestro e diffonde le due pratiche in Europa.

Per maggiori informazioni vedere la biografia completa.

 

Annunci

Stage di Aikido e Katsugen Undo con Manola Di Pasquale dal 29 settembre al 1 ottobre 2017

flyer set 2017 5 pag 1

flyer set 2017 5 pg 2

Il Dojo Bodai ti invita a partecipare allo

Stage di Aikido e Katsugen Undo condotto da Manola Di Pasquale

dal 29 settembre al 1 ottobre a Roma in via R. R. Pereira, 169 (zona Balduina)

venerdì 29
18.00 Iscrizioni
18.30 Aikido
20.00 Katsugen Undo

sabato 30
8.00 Aikido
10.00 Katsugen Undo
18.30 Ame no ukihashi ken
20.00 Katsugen Undo

domenica 1
8.00 Aikido
10.00 Katsugen Undo

per info e prenotazioni:
tel 334 8999061 – 331 7301769
email bodai@scuolaitsuotsuda.org

Di professione medico, Manola Di Pasquale incontra fin dall’inizio dei suoi studi universitari, nel 1983, la filosofia pratica del M° Itsuo Tsuda attraverso la lettura dei suoi primi libri ‘il Non Fare’ , ‘La Via della Spoliazione’ e ‘La Scienza Del Particolare’.
Queste letture hanno un forte impatto su di lei e influenzeranno profondamente la sua vita. Da più di trent’anni continua il suo cammino lungo la via proposta da tale filosofia.
Pratica l’Aikido e il Katsugen Undo sotto la guida del suo maestro Régis Soavi da più di vent’anni frequentando i suoi stage: quelli riservati agli istruttori, quelli regolari a Roma, Milano, Parigi, Tolosa, Amsterdam, Mas d’Azil, e quelli di Seitai Do.
E’ responsabile del Dojo Bodai di Roma dal 2005 e conduce stage di Aikido e Katsugen Undo all’interno della Scuola Itsuo Tsuda a Pescara e Roma.

La saggezza degli esseri viventi

Haruchika Noguchi in una conferenza
Haruchika Noguchi in una conferenza

NOGUCHI PARLA  (in “Il Triangolo Instabile” di Itsuo Tsuda)

LA SAGGEZZA DEGLI ESSERI VIVENTI

Oggi vorrei farvi fare il movimento rigeneratore che avete appena visto. Quando lo guardate, sembra un movimento molto misterioso ma, in effetti, non ha niente di misterioso. Tutti sono dotati di una capacità simile. Non c’è bisogno di imparare né “come” né “in che ordine”, come in una ginnastica comune. Potete farlo anche a casa vostra. Se c’è qualcuno con voi, potete farlo insieme. Per farlo, basta che vi svuotiate la testa. Esso sorge spontaneamente da dentro. Può sembrare strano ma il corpo umano possiede già tale possibilità. E’ così che si sbadiglia, si starnutisce e si tossisce quando la gola è irritata da una mucosità. Anche i neonati sanno far peti. Tutte le persone eseguono senza saperlo tutto ciò che è opportuno per mantenere la salute. I bambini, anche i più piccoli, vomitano quando hanno inghiottito un cibo cattivo, senza aver imparato a farlo. Se chiediamo loro come hanno saputo che era tossico non sono in grado di rispondere. Non solo i bambini ma anche i cani, i gatti, i maiali, le formiche, insomma tutti gli esseri viventi, eseguono i gesti opportuni per mantenere vivo il corpo. pesceAnche gli uomini sono dotati della stessa facoltà. E’ così che, mangiando riso bianco, assimilano il nutrimento ed evacuano escrementi gialli. In realtà, noi viviamo non perché abbiamo delle belle idee ma perché siamo venuti al mondo forniti di tutte le facoltà che permettono di vivere. Tutti gli esseri viventi, compresi gli uomini, fanno i movimenti che sono opportuni per vivere. Vivere per poter dispiegare tutta l’energia che offre la vita. I cetrioli diventano verdi, le melanzane viola. Ogni essere vivente assimila il nutrimento necessario, prende la forma a lui adatta e si mantiene in vita. Gli uomini si sbarazzano di tutto ciò che è nocivo per vivere. L’organismo mantiene il proprio equilibrio solo quando mangiamo ciò che in quel preciso momento ci piace. Quando fa caldo si suda. I pori della pelle si restringono quando fa freddo. La traspirazione funziona sul principio del raffreddamento per evaporazione, principio che utilizziamo oggigiorno per la climatizzazione. Fin dalla nascita, siamo provvisti della capacità di traspirare. La traspirazione è esistita ben prima dell’invenzione della climatizzazione.

L’ultravioletto esiste nei raggi del sole ma quando diventa troppo intenso può avere effetti nocivi sul nostro organismo. Nel secolo scorso, il dottor Finsen raccomandava di proteggersi con sostanze nere che impediscono il passaggio dell’ultravioletto. Eppure, molto prima della scoperta di Finsen, agli uomini si scuriva la pelle quando si esponevano a un sole troppo forte. Oggi, quando si va in spiaggia o in montagna, la pelle si scurisce. Questo per di proteggerci dai danni dell’ultravioletto. La gente pensa allora che il fatto di andare in spiaggia o in montagna sia un ritorno alla natura. Ma il vero ritorno alla natura è il fatto che la pelle si abbronzi per difendere l’organismo dagli effetti nocivi, non il fatto di passeggiare sulla spiaggia o in montagna. Dunque, il nostro organismo riconosce la nocività dei raggi. La vera natura è la presa di coscienza del fatto che in noi tale lavoro si compie da solo.

Itsuo Tsuda e Haruchika Noguchi
Itsuo Tsuda e Haruchika Noguchi

Provate ad insegnare ai cani a miagolare, sforzatevi pure, loro però possono solo abbaiare. Per abbaiare non hanno bisogno di un allenamento speciale. Allo stesso modo gli uomini, se vivono in conformità con le esigenze della loro struttura corporea non hanno bisogno di inventare metodi speciali di salute o di cura. Non ce ne rendiamo conto ma c’è un lavoro che si fa da solo nel nostro organismo per rinforzarlo, per mantenerlo in vita. Esso ci permette di vivere attuando pienamente tutto il nostro potenziale ed è grazie a questo lavoro inconscio che possiamo star bene. Se, invece, giudichiamo le cose con l’intelligenza, dicendoci che questo è buono e quello è cattivo, tutto diventa completamente diverso. (….)

Trascrizione del discorso del Maestro Noguchi pronunciato in occasione di una seduta di Katsugen undo a Tokyo il 19 settembre 1974

 

 

 

La via del Movimento rigeneratore

8578c2b9-4ee8-4790-8483-b09d9ab02bdaHaruchika Noguchi traccia una calligrafia

Il Movimento rigeneratore è un movimento naturale che esiste virtualmente in tutti gli uomini. Si tratta semplicemente di scoprirlo. Si scopre così la propria infanzia, il proprio punto di partenza, e si scopre se stessi.

Quello che importa in questa pratica, non sono i dettagli tecnici, ma il vuoto che si fa nella propria mente.

E’ ciò che il maestro Noguchi chiama “tenshin“, il cuore di cielo puro. Per questa ragione, bisogna lasciar andare via i ricercatori di teorie o di risultati.

ITSUO TSUDA, IL NON-FARE